Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la migliore gestione del sito. I cookie tecnici e di analisi statistica sono gia' stati impostati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Proseguendo, acconsenti all'€™utilizzo di cookie.

Premessa
Il nostro non è il punto di vista del Legislatore né del Legale di turno, ci si vuole solo soffermare su cosa il Medico deve tenere in massima attenzione per avere la migliore protezione possibile dai rischi derivanti l’esercizio della professione sanitaria secondo l’attuale normativa. 

Base della legge Gelli

Il fulcro del decreto Gelli è la sicurezza delle cure della persona assistita ed il riallocamento dei rischi derivanti dall’esercizio delle attività medico sanitarie per meglio tutelare il danneggiato.

Ruolo importante rivestirà la creazione di Linee Guida univoche che dovranno essere emanate attraverso decreti attuativi, in attesa dei quali al Medico viene chiesto di attenersi alle buone pratiche clinico-assistenziali.

Martedì, 28 Novembre 2017 10:04

Legge Gelli: cosa è cambiato?

Il Decreto Legge Gelli numero 24/2017 è legge dal primo marzo 2017 e, per chi non lo sapesse, cambia le norme in vigore riguardo le assicurazioni di responsabilità professionale per tutti coloro che operano nel settore sanitario.

Nelle prossime righe, nel modo più sintetico possibile, cercheremo di spiegare in cosa consistono i cambiamenti e come ci si può adeguare per evitare di correre rischi grossi, sia a livello civile che penale.

Partendo dal presupposto che, in quanto diretto interessato, tu conosca le normative vigenti prima della Legge Gelli, passeremo all’esposizione dei sostanziali cambiamenti introdotti che andranno a migliorare la qualità delle cure mediche ricevute dai pazienti, tutelandoli in eventuali casi di malasanità e che, allo stesso tempo, garantiranno maggiori sicurezze e protezione ai professionisti della sanità.

Ricordiamo, inoltre, che la legge ribadisce in modo chiaro e inequivocabile che chiunque operi in campo sanitario (quindi sia nel pubblico che nel privato) è obbligato a stipulare una polizza assicurativa professionale. 

Mercoledì, 11 Ottobre 2017 09:47

Assicurazioni sulla vita e TCM

Vuoi per scaramanzia, vuoi per delicatezza, le assicurazioni del settore vita sono spesso le meno pubblicizzate e sponsorizzate dalle compagnie.

Si tratta, infatti, di quelle polizze che servono a salvaguardare l’incolumità del loro beneficiario attraverso un premio che rimborsi i danni subiti in situazioni di difficoltà economica, fisica o, alle volte, in caso di morte dell’assicurato a tutelare la propria famiglia.

Si tratta di assicurazioni che hanno un gran valore e che, per ovvie ragione, vengono stipulate per tutelare i propri cari nel caso la vita giochi dei brutti scherzi.

Come funzionano le assicurazioni sulla vita?

Venerdì, 21 Luglio 2017 07:52

BIMBO A BORDO: LA SICUREZZA NON HA ETA'

Ci siamo quasi: agosto è alle porte e le tue meritate ferie stanno per iniziare. Quest’anno hai deciso che sarebbe stato bello passare del “quality time” con la tua famiglia e hai organizzato il classico viaggio in macchina.

Tanti KM, tante mete diverse da vivere con i tuoi tempi e un mezzo di trasporto che, sicuramente, ti lascia tanta libertà a livello organizzativo.

Purtroppo, però, sappiamo tutti quali siano i terribili e concreti rischi che gli spostamenti in macchina presentano. L’automobile si ripropone, ogni anno, come il mezzo di trasporto più pericoloso in circolazione e, inutile negarlo, tra le vittime ci sono anche molti bambini.

Lo scorso anno gli incidenti che hanno coinvolto giovani vittime nella fascia tra gli 0 e i 13 anni sono stati 1.312, con 53 morti.

Il 40% degli incidenti stradali, inoltre, avviene su tragitti brevi (sotto i 3 KM), in cui i bambini viaggiano tenuti in braccio dai genitori, incuranti di qualsiasi norma vigente in termini di sicurezza.

 

Il modo in cui la nostra mente funziona quando si stipula una polizza RC Auto per la macchina nuova è curioso.

Abbiamo fatto un grosso investimento e siamo talmente innamorati del nostro gioiello a 4 ruote,che appena usciti dal concessionario il pensiero di un solo graffio sulla carrozzeria ci distrugge interiormente e l’idea che qualcuno possa portarcela via ci crea preoccupazione.

Sono considerazioni giuste ed è per questo che la prima cosa che si richiede all’assicuratore è che la polizza RC AUTO copra i rischi contro gli atti vandalici e i furti.

Ma quale è la strada più corretta per tutelarci al megliodai i rischi che guidare una macchina comporta?