Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la migliore gestione del sito. I cookie tecnici e di analisi statistica sono gia' stati impostati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Proseguendo, acconsenti all'€™utilizzo di cookie.

Giovedì, 15 Giugno 2017 08:37

COME GARANTIRTI UNA COPERTURA RC AUTO ADEGUATA

Scritto da

Il modo in cui la nostra mente funziona quando si stipula una polizza RC Auto per la macchina nuova è curioso.

Abbiamo fatto un grosso investimento e siamo talmente innamorati del nostro gioiello a 4 ruote,che appena usciti dal concessionario il pensiero di un solo graffio sulla carrozzeria ci distrugge interiormente e l’idea che qualcuno possa portarcela via ci crea preoccupazione.

Sono considerazioni giuste ed è per questo che la prima cosa che si richiede all’assicuratore è che la polizza RC AUTO copra i rischi contro gli atti vandalici e i furti.

Ma quale è la strada più corretta per tutelarci al megliodai i rischi che guidare una macchina comporta?

Partiamo da una riflessione, da un’indagine Istat del 2014è emerso che:

  • in Italia si sono verificati 177.031 incidenti stradali con lesioni a persone.
  • che hanno provocato la morte di 3.381 persone
  • e il ferimento di altre 251.147

In più, per completare questo terribile quadro, va aggiunto che dallo scorso anno l’omicidio stradale (articolo 589-bis, legge 23 marzo 2016, n. 41)è diventato un reato penale, punibile fino a 18 anni di carcere.

Sono dati preoccupanti per un verso e rivelatori per l’altro.

Preoccupanti perché l’automobile si riconferma il mezzo di trasporto più usato e allo stesso tempo meno sicuro; rivelatori perché è proprio per questa scarsa sicurezza che bisogna proteggersi in tutti i modi che si hanno a disposizione.

L’RC Auto, quindi, non deve essere concepita come “una tassa obbligatoria” che ci permette di circolare, ma una protezione dai pericoli che si incontrano sulla strada e che potrebbero ripercuotersi sulla nostra vita e su quella dei nostri famigliari.

In questo articolo vediamo come tutelarci al meglio dai rischi connessi alla circolazione.

Il primo punto da affrontare quando si parla di RC Auto è il massimale. La questione è abbastanza semplice: quando si causa un incidente non si può sapere quanti e quali danni si causeranno. La soluzione? Optare per il massimale adeguato, che ci possa garantire più tranquillità. È inutile girarci intorno, la prudenza non è mai troppa.

Un punto importante è comunicare alla Compagnia chi può guidarela tua auto, se un solo conducente abituale o più di uno, e chiederequali sono le coperture in caso di incidente. Il premio RC AUTO varia se a guidare la macchina è un solo conducente, GUIDA IN ESCLUSIVA, o più conducenti, GUIDA LIBERA.

Essenziale è anche capire in quali casi l’assicurazione ha diritto di rivalersi su di te.

La rivalsa infatti è un diritto delle compagnie di assicurazione che, dopo aver pagato il risarcimento danni alle terze persone coinvolte in un incidente, possono chiedere al proprio assicurato, un rimborso qualora sussistano le gravi violazioni del Codice della Strada.

In questo articolo elenchiamo i casi più noti:

  • Guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti
  • Guida del veicolo con revisione scaduta
  • Guida del veicolo con patente scaduta
  • Guida del veicolo con trasporto non conforme alla carta di circolazione.
  • Guida del veicolo da parte di figli minori
  • Guida del veicolo con potenza eccedente ai limiti da parte di neopatentati

“Uomo avvisato, mezzo salvato” diceva il proverbio.

Un quarto punto da non sottovalutare è capire cosa possa succedere nel caso l’incidente di cui si è vittima sia causato da qualcuno non assicurato.

Cosa succede in questi casi? Chi ti ripagherà i danni subiti?

La tua polizza RC Auto DEVE comprendere anche questo punto, solo allora il quadro di base inizia a essere completo.

Ricapitolando, l’RC Auto che un automobilista deve sottoscrivere per riuscire a limitare i danni deve comprendere:

  • Un massimale adeguato.
  • Copertura GUIDA LIBERA.
  • Limitare le rivalse da parte dell’assicurazione.
  • Protezione nel caso ci sia coinvolta un’auto non assicurata.

Si tratta, fondamentalmente, dell’ABC per ogni proprietario di macchina che voglia guidare sereno e tranquillo.

Veniamo ora alle garanzie accessorie.

Queste si chiamano così perché “accompagnano” quelle fondamentali sopra elencate: Tutela Legale, Assistenza Stradale, Furto e Incendio, Rottura del cristallo, Eventi atmosferici e Kasko.

In questo elenco rientrano tutte quelle protezioni che possono risarcire i danni alla tua autovettura, ma che di certo non ti porteranno via più di alcune centinaia di euro.

Pensaci un secondo: può costarti di più sostituire il vetro graffiato o risarcire una vittima di un incidente causato da qualcuno che guidava la tua auto a tua insaputa?

Un altro punto interessante: la polizza sugli infortuni del conducente.

Una protezione del genere ti permette di essere coperto sempre ed in qualsiasi circostanza.

Sicuramente interessante, no?

Lettore, fatti furbo: quando verrai a rinnovare la tua polizza auto porta con te tutti i dati della vecchia assicurazione, controllali prima in maniera preventiva e, soprattutto, ragiona su una copertura adeguata: la carrozzeria della tua auto può subire danni, certo, ma non saranno quelli che ti manderanno in rovina.

Assicurofacile può garantirti un check-up completo delle polizze che fanno al caso tuo e può, soprattutto, donarti la serenità e la tranquillità che ogni viaggio in macchina merita.

Contattaci ora per richiedere un preventivo!

Letto 384 volte Ultima modifica il Giovedì, 15 Giugno 2017 08:52

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.